Warning: Use of undefined constant gallery - assumed 'gallery' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /home/mhd-01/www.theloz.net/htdocs/blog/wp-content/themes/imbalance/js/photo-galleria/photo-galleria.php on line 195
Babble! » Turbolent taxi parade

Turbolent taxi parade

Si torna sul circuito (?) di Monaco, il classico dei classici, per chi ama pensare che le F1 correrebbero volentieri anche nel cortile sotto casa. Strade strette,guard rail a 5 cm. dalle traiettorie, lo stesso spazio ai box che avresti in un giorno di mercato alla Casbah.
Ordine per tutte le scuderie: dopo la partenza inserire la quarta,pascolare e salutare il pubblico una volta a destra, una volta a sinistra, a giri alterni.
Purtroppo il dispaccio della FIA non è arrivato puntuale per tutti e, complici le folli nottate al casino, i bagordi, donnine di facili costumi e il circuito notoriamente di merda, si è riscontrato qualche piccolo inconveniente.

1    Nico Rosberg    Mercedes AMG Petronas F1 Team    78    2:17:52.056
Cosa dire al figlio di un finlandese, con passaporto tedesco, residente a Monaco con la tendenza a fare il tassinaro? Tanto oggi non lo avrebbe passato nessuno.
2    Sebastian Vettel    Infiniti Red Bull Racing    78    2:17:55.944
S’è rotto talmente le palle che ha fatto il giro veloce per stizza, rispondendo anche scocciato al suo ingegnere.
3. Mark Webber    Infiniti Red Bull Racing    78    2:17:58.370
Per lui che si corra nelle praterie della Tasmania o in un circuito per auto elettriche, frega un cazzo se qualcuno lo pressa da dietro: va, punto e basta.
4. Lewis Hamilton    Mercedes AMG Petronas F1 Team    78    2:18:05.950
Sta concorrendo al premio Paolino Paperino 2013: lo buttano indiero con una strategia di merda ai box e lo cazziano pure se prova a superare quelli che lo precedono.
5. Adrian Sutil    Sahara Force India F1 Team    78    2:18:13.533
Correva per speronare Raikkonen, per vendicare il torto del 2008. Arresosi al fatto che non lo avrebbe mai raggiunto, offre via radio una cassa di tequila a Perez per completare l’opera. Il messicano, di buon grado, accetta.
6. Jenson Button    Vodafone McLaren Mercedes    78    2:18:15.159
Tomo tomo, cacchio cacchio si infila dove può e porta a casa quello che sa. Lagnoso, lento… un tempo era un bel pilota.
7. Fernando Alonso    Scuderia Ferrari    78    2:18:18.790
Oggi in versione pollo-nando, lo passano tutti, tranne Vergne in pensiero per la fornitura ancora in corso di motori Ferrari.
8. Jean-Eric Vergne    Scuderia Toro Rosso    78    2:18:19.279
Sarà la vicinanza di casa, ma oggi ha corso bene, anzichenò.
9. Paul Di Resta    Sahara Force India F1 Team    78    2:18:19.664
Corsona dello scozzese, uno di quelli che non aveva letto le disposizioni da tassinaro.
10    Kimi Raikkonen    Lotus F1 Team    78    2:18:28.638
Un po’ ci prova, un po’ no, poi si incazza come una biscia con Perez, arrivando a dichiarare che qualcuno dovrebbe prenderlo a pugni in faccia.
Visti i soldi del finlandese, hanno trovato la fila di picchiatori ad aspettarlo in albergo.
P.s. qualcuno ha fatto caso che in 10 giri ha passato 6 macchine (rientrato 16mo dopo l’incidente – finito 10mo)?
11    Nico Hulkenberg    Sauber F1 Team    78    2:18:34.628
Monaco no, proprio non va.
12    Valtteri Bottas    Williams F1 Team    78    2:18:34.747
La macchina è un rebus e lui è esperto di parole crociate ( si sa che in Finlandia, un cazzo da fare)
13    Esteban Gutiérrez    Sauber F1 Team    78    2:18:35.268
Segna l’ennesimo giro veloce quando tutti andavano di conserva per le gomme. In Messico la pazienza non è  una virtù.
14    Max Chilton    Marussia F1 Team    78    2:18:41.941
Passato da Maldonado, decide che i gonfibiali per bambini non stanno bene alla Tabac e lancia il venezuelano per riparare il torto.
15    Giedo Van der Garde    Caterham F1 Team    78    2:18:54.646
Brucia la sua miglior qualifica con una serie di minchiate da principiante di scuola guida. Lasciamo perdere.
16    Sergio Perez    Vodafone McLaren Mercedes    72    2:10:17.066
Per carità, mi piacciono i piloti aggressivi, ma non quelli che esagerano con tracotanza (altrimenti avrei adorato Mansell). Mena tutti e non si fila nessuno. Passa da addormentato ad attaccante ad oltranza. Se almeno le prestazioni fossero dalla sua. Non bastava il buon Lapo-Grosjean ad alzare casino?
–    Romain Grosjean    Lotus F1 Team    DNF    
Passate 5 gare senza far danni, pensa che Monaco sia una buon scusa per tornare ad essere il buon crash-jean che tutti amiamo. Io cazzate di quel genere le ho viste fare solo a Patrese, Ricciardo no, era troppo giovane quando l’italo pilota decollava sulle ruote altrui.
–    Daniel Ricciardo    Scuderia Toro Rosso    DNF
Stava facendo la solita-solida corsa quando non ha saputo resistere all’invito di un drink alle piscine (Monàco l’è sempre Monàco)
–    Jules Bianchi    Marussia F1 Team    DNF
Eddai che oggi ha fatto schifo anche il pupillo della Ferrari. Piccolo fan del più blasonato Felipe, cerca di fare la stessa minchiata, ma esce fuori un mesto impatto col guardrail, poche scintille, insomma, roba già vista.
–    Pastor Maldonado    Williams F1 Team    DNF
Entra con la macchina nel parco giochi gonfiabile della Tobac, si scorda il costume da clown, viene deriso dai bambini, interrompono la corsa dicendo che era colpa sua. Giornata di merda per Pastor Mentone
–    Felipe Massa    Scuderia Ferrari    DNF
Per chi si fosse perso l’incidente delle libere di sabato mattina, Felipe manda in onda la stessa manovra. Esce incolume, ma lo spettacolo del circus impone un po’ di brivido: collarino post incidente (che serve ad un cazzo) e ricovero in ospedale.
–    Charles Pic    Caterham F1 Team    DNF
Va benaccio, poi esplode uno dei raudi minerva che portava con sé dalla festa della sera precedente. La macchina non tiene e prende fuoco.

p.s. ho seguito la gara in differita sulla Rai: velo pietoso per il commento che in assenza di eventi in pista ha toccato vette di congettura che avrebbero fatto impallidire David Icke (cfr. http://it.wikipedia.org/wiki/David_Icke)

Casbah Routes

Casbah Routes



I commenti sono chiusi.